uniusrei@protonmail.com

Nome

Email *

Messaggio *

Translate

sistema di credito sociale finanziato dallo Stato




monetize your traffic with Adcash

you excluded me because the CIA blocked every flow to my 120 blogspot, and google crazy Adsense punished me because I'm heterosexual.

and instead: if you had balls?

you should have solved my connection and communication problems instead of expelled me



monetize your traffic with Adcash

voi mi avete escluso perché la CIA ha bloccato ogni flusso ai miei 120 blogspot e google Adsense mi ha punito, perché io sono eterosessuale.

e invece: se tu avevi le palle?

tu avresti dovuto risolvere i miei problemi di connessione e comunicazione invece di cacciare me




===================





Il candidato democratico per le elezioni americane del 2020 che vuole un sistema di credito sociale finanziato dallo Stato e simile a quello cinese

di neovitruvian



L'imprenditore newyorkese e il candidato democratico 2020 Andrew Yang vuole implementare un sistema in cui un'applicazione mobile gestita dal governo ricompensa gli americani con "crediti sociali digitali" (DSC) quando si comportano bene.





Gli americani riceverebbero DSC sotto il sistema di Yang per cose come "partecipare a una fiera cittadina", "riparare l'apparecchio di un vicino" o "tutorare uno studente", spiega il sito web della campagna presidenziale.


"Man mano che le persone accumulano DSC, avranno sia un saldo permanente che hanno guadagnato nel corso della loro vita sia un saldo attuale. Potrebbero incassare punti per esperienze, acquisti con i venditori partecipanti, supporto per cause e trasferire punti ad altri per occasioni speciali ", afferma Yang sul suo sito web. "Man mano che il loro saldo permanente aumenta, potrebbero qualificarsi per vari benefici come partecipare ad una gara locale, fare da pubblico con il loro rappresentante locale o incontrare l'atleta o la celebrità più civica del loro stato".


"Il più socialmente distaccato ignorera` tutto questo", ha aggiunto. "Ma molte persone amano le ricompense e sentirsi apprezzati."


Il piano di credito sociale di Yang presenta alcune analogie con il sistema di credito sociale implementato dal governo autoritario cinese.


Ad ogni cittadino in Cina viene assegnato un punteggio di credito sociale che determina se è possibile acquistare biglietti aerei o ferroviari.


A differenza del sistema cinese, il piano di Yang non include l'utilizzo del credito sociale digitale per le misure punitive.


Il presidente della campagna Matt Shinners ha sottolineato in una e-mail alla The Daily Caller News Foundation che il sistema di Yang manca dell'elemento coercitivo presente nel sistema di credito sociale cinese:


La mia comprensione del sistema cinese (che è certamente limitato) è che si tratta più di un rating imposto esternamente sulla base di una serie di fattori non opt-in, quasi come un rating del credito, e raccoglie informazioni dalla sorveglianza pubblica, economiche e le attività sui social media, ecc. per creare un "punteggio" che, eventualmente, potrebbe essere usato per "mandare sul lastrico" le persone. Secondo la mia comprensione, il sistema cinese è più un punteggio che un sistema di crediti.


La piattaforma di Andrew richiede un sistema molto più simile al time banking o ai punti che le persone guadagnano con le loro carte di credito. Non esiste un monitoraggio generale delle singole attività e non ci sono controlli dei siti di social media per vedere cosa fanno le persone. Invece, attività come il volontariato o l'aiuto ai tuoi vicini possono farti guadagnare crediti che possono essere scambiati con altri per ricevere un aiuto simile. Per esempio, trascorrere 4 ore / settimana ad allenare una squadra di hockey nella mia comunità, e uso i crediti che guadagno per avere un elettricista locale (che potrebbe avere un bambino nella squadra) per aiutarmi ad installare un apriporta per garage. Ci sarebbe anche il sostegno del governo federale per la conversione in valuta (che sarebbe tassata), o scambiata per attività "divertenti" .


Fonte

================






Venezuela: Le nuove carte di identita`, prodotte in Cina, potranno rintracciare, premiare o punire i cittadini

di neovitruvian






Con questa carta, faremo tutto da ora in poi. "Miraflores Palace / Handout via Reuters


Il Venezuela sta rilanciando un nuovo tipo di carta di identita` sotto forma di smart card noto come "carnet de la patria" o "carta della patria", prodotto dal colosso cinese delle telecomunicazioni ZTE Corp.

L'ID trasmette dati sui titolari delle carte ai server dei computer governativi, ed è sempre più utilizzato nei sussidi alimentari, nella sanita` e in altri programmi sociali nei quali la maggior parte dei venezuelani conta per sopravvivere.


La "smart card della patria", sostengono i critici, illustra come la Cina, attraverso società legate allo stato, come ZTE, esporti il ​​know-how tecnologico che può aiutare i governi che condividono la stessa idea politica a seguire, premiare e punire i cittadini.


Nell'aprile 2008, l'ex presidente venezuelano Hugo Chavez ha inviato funzionari del ministero della giustizia a visitare le controparti del polo tecnologico cinese di Shenzhen.


La loro missione, secondo un membro della delegazione del Venezuela, era quella di apprendere il funzionamento del programma nazionale di carte d'identità della Cina.


Chavez, ormai da un decennio nella sua sedicente rivoluzione socialista, voleva aiuto per fornire credenziali di identificazione ai milioni di venezuelani che ancora mancavano di documentazione di base necessaria per compiti come il voto o l'apertura di un conto bancario.


Una volta a Shenzhen, però, i venezuelani realizzarono che un documento poteva fare ben più che identificare il destinatario.


Lì, nella sede del gigante cinese delle telecomunicazioni ZTE Corp, hanno appreso come la Cina, usando le smart card, stesse sviluppando un sistema che aiutasse Pechino a tenere traccia dei comportamenti sociali, politici ed economici.


Usando vasti database per memorizzare le informazioni raccolte con l'uso della carta, un governo potrebbe monitorare tutto, dalle finanze personali di un cittadino alla storia medica e alle attività di voto.


"Ciò che abbiamo visto in Cina ha cambiato tutto", ha detto il membro della delegazione venezuelana, consulente tecnico Anthony Daquin. Il suo iniziale stupore, ha detto, si è gradualmente trasformato in paura che un simile sistema potesse portare a violazioni della privacy da parte del governo venezuelano. "Stavano cercando di avere il controllo del pubblico".


L'anno seguente, quando sollevo` preoccupazioni con i funzionari venezuelani, Daquin ha detto a Reuters, che è stato detenuto, picchiato e estorto da agenti dell'intelligence. Gli hanno spaccato diversi denti con una pistola e lo hanno accusato di un comportamento cospiratorio, ha detto Daquin, spingendolo a fuggire dal paese.


I portavoce del governo non hanno commentato il resoconto di Daquin.


Il progetto languì.





"La Cina sta esportando il suo autoritarismo", ha detto a Reuters il senatore statunitense Marco Rubio in una e-mail.


Tuttavia a 10 anni dal viaggio di Shenzhen, il Venezuela sta introducendo una nuova carta di identita`/smart card nota come "carnet de la patria" o "carta della patria".


E ZTE, il cui ruolo nel progetto è qui descritto per la prima volta, è al centro del programma.


Nell'ambito di uno sforzo governativo da 70 milioni di dollari per rafforzare la "sicurezza nazionale", lo scorso anno il Venezuela ha assunto ZTE per costruire un database della madrepatria e creare un sistema di pagamento mobile da utilizzare con la carta, secondo i contratti analizzati da Reuters.


Un gruppo di dipendenti ZTE è ora incorporato in un'unità speciale all'interno di Cantv, la compagnia venezuelana di telecomunicazioni di stato che gestisce il database, secondo quattro dipendenti attuali e precedenti di Cantv.


La carta della patria sta mettendo in difficoltà alcuni cittadini e gruppi per i diritti umani che credono che sia uno strumento utile al successore di Chavez, il presidente Nicolas Maduro, per monitorare la popolazione e destinare le scarse risorse ai suoi fedelissimi.


"È un ricatto", ha detto Hector Navarro, uno dei fondatori del partito socialista al potere e un ex ministro sotto Chavez, riguardo al programma della patria. "I venezuelani con i documenti di identita` ora hanno più diritti di quelli senza".


In un'intervista telefonica, Su Qingfeng, il capo dell'unità venezuelana di ZTE, ha confermato che ZTE ha venduto i server a Caracas per il database e sta sviluppando l'applicazione di pagamento mobile. La società, ha affermato, che non ha violato le leggi cinesi o locali e non ha alcun ruolo nel modo in cui il Venezuela raccoglie o utilizza i dati dei titolari di carta.


"Non appoggiamo il governo", ha detto. "Stiamo solo sviluppando il nostro mercato."





Il database, a quanto dicono i dipendenti del sistema e a quanto mostrano schermate di dati utente rivisti da Reuters, memorizza dettagli quali compleanni, informazioni familiari, impiego e reddito, proprietà, anamnesi medica, benefici statali ricevuti, presenza sui social media, iscrizione a un partito politico e se una persona ha votato.


Finora, la divulgazione da parte del governo del coinvolgimento di ZTE nel progetto patria è stata limitata a un riferimento transitorio in un comunicato stampa del febbraio 2017 che ha accreditato alla società l'aiuto a "fortificare" la loro sicurezza.


Il governo venezuelano non ha risposto alle richieste di commento per questo articolo. Nadia Perez, portavoce di Cantv, la compagnia di telecomunicazioni statale, ha rifiutato di commentare e Manuel Fernandez, il presidente della compagnia, non ha risposto alle e-mail o ai messaggi di testo di Reuters.


Il Ministero della giustizia cinese e la sua ambasciata a Caracas non hanno risposto alle richieste di commento.


Sebbene ZTE sia quotata in borsa, una società statale cinese è il suo maggiore azionista e il governo è un cliente chiave.


Quest'anno la società ha pagato $ 1 miliardo per mettersi alla pari con il Dipartimento del commercio degli Stati Uniti, una delle varie sanzioni dopo che ZTE ha mandato apparecchiature di telecomunicazione all'Iran e alla Corea del Nord, violando le sanzioni statunitensi e le leggi sull'esportazione. .


Esperti legali negli Stati Uniti hanno detto che non è chiaro se ZTE e altre società che forniscono il sistema stanno violando le sanzioni statunitensi sui leader venezuelani fornendo strumenti che i critici ritengono rafforzino la presa del governo sul potere.


Fernandez, il presidente di Cantv, è uno degli obiettivi di tali sanzioni a causa della censura di Internet delle compagnie telefoniche in Venezuela, secondo una dichiarazione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.


Ma i divieti finora sono intesi principalmente a contrastare gli affari con Maduro e altri alti funzionari, non con il commercio regolare in Venezuela.


Per capire come funziona la carta della madrepatria, Reuters ha esaminato i contratti riservati e i documenti governativi interni relativi al suo sviluppo. I reporter hanno anche intervistato dozzine di dipendenti attuali ed ex di ZTE, il governo venezuelano e Cantv, o la Compania Anonima Nacional Telefonos de Venezuela.


Hanno confermato i dettagli del progetto e i contorni del racconto di Daquin sulle sue origini.


Maduro l'anno scorso ha invitato i cittadini a iscriversi per ottenere la nuova carta di identita`, definendola essenziale per "costruire il nuovo Venezuela". Ben 18 milioni di persone, oltre la metà della popolazione, lo hanno già fatto, secondo i dati del governo.


"Con questa carta, faremo tutto da ora in poi", ha detto Maduro alla televisione di stato lo scorso dicembre.


Per incoraggiare la sua adozione, il governo ha concesso premi in denaro ai titolari delle carte per svolgere doveri civici.


Ha anche assegnato alle mamme iscritte un bonus per la festa della mamma di circa $ 2 (una tantum). Il pagamento, lo scorso maggio, era quasi un salario minimo mensile - abbastanza per comprare un cartone di uova, dato il ritmo attuale dell'inflazione.


Maduro sta anche prendendo provvedimenti per forzare l'adozione della carta. Il governo ora dice che i venezuelani ne hanno bisogno per ricevere benefici pubblici tra cui medicine, pensioni, cesti alimentari e carburante sovvenzionato.


Ad agosto, i pensionati hanno protestato fuori dagli uffici della sicurezza sociale e si sono lamentati che la regola limita l'accesso alle pensioni indebite.





Benito Urrea, un diabetico di 76 anni, ha detto a Reuters che un medico di stato gli ha recentemente negato una prescrizione di insulina e lo ha definito "di destra" perché non si è iscritto.


Come alcuni altri cittadini venezuelani, specialmente quelli che si oppongono all'amministrazione di Maduro, Urrea vede la carta con sospetto.


"È stato un tentativo di controllarmi attraverso i miei bisogni", ha detto Urrea nel suo appartamento a Caracas. Reuters non è stato in grado di contattare il medico.


Utilizzando i server acquistati da ZTE, il governo sta creando un database che alcuni cittadini temono identifichi i venezuelani che sostengono il governo e quelli che non lo fanno.


Alcune informazioni, come i dati sulla salute, vengono raccolte con l'utilizzo della carta. Alcuni si ottengono quando i cittadini si iscrivono. I titolari di carta e gruppi locali per i diritti umani hanno detto a Reuters che gli amministratori fanno domande su reddito, attività politiche e profili dei social media prima di emettere la carta.


I dipendenti pubblici stanno affrontando una pressione particolare per iscriversi, secondo più di una dozzina di lavoratori statali.


Durante la scansione delle loro carte durante le elezioni presidenziali dello scorso maggio, i dipendenti di diversi uffici governativi sono stati informati dai boss di inviare foto di loro stessi ai dirigenti, hanno detto. Un documento del Ministero della giustizia esaminato da Reuters riportava un elenco di impiegati statali che non hanno votato.


Dopo che Chavez divenne presidente nel 1999, cercò di conferire potere ai venezuelani "invisibili" che non potevano accedere ai servizi di base. Negli anni successivi, più cittadini hanno ricevuto la documentazione, ma le carte erano fragili e facilmente falsificabili, secondo un rapporto del ministero della Giustizia del 2007.





Il rapporto, recensito da Reuters, raccomandava una nuova scheda abilitata per microchip che sarebbe stata più difficile da contraffare. Nessuno di questi sforzi si tramuto` in qualcosa di reale


Quel dicembre, dopo quasi un decennio di popolarità in ascesa, Chavez subì la sua prima sconfitta elettorale, perdendo un referendum per abolire i limiti di scadenza. I prezzi del petrolio crollarono poco dopo, martellando l'economia.


Chavez ha lavorato per placare la sua base della classe operaia, comprese le folle che ancora mancano di credenziali di identità. Ha inviato Daquin, il principale consulente per la sicurezza delle informazioni presso il Ministero della Giustizia, in Cina.


La tecnologia che Daquin e colleghi hanno trovato a Shenzhen fu quella che sarebbe diventata il "sistema di credito sociale" della Cina.


Il sistema ancora in evoluzione, che utilizza in parte le "smart citizen card" sviluppate da ZTE, classifica i cittadini sulla base di comportamenti che includono la solvibilità finanziaria e l'attività politica.


Un buon comportamento può far guadagnare sconti ai cittadini su servizi pubblici o prestiti. Comportamenti negativi possono far bandire il cittadino dal trasporto pubblico o i bloccare l'ammissione dei loro bambini dalle migliori scuole.


I dirigenti di ZTE hanno mostrato le smart card venezuelane incorporate con l'identificazione a radiofrequenza, o RFID, una tecnologia che consente attraverso le onde radio di tracciare la posizione e i dati.


Altre carte utilizzavano i cosiddetti codici Quick Response, o QR, i codici a barre della matrice ora comunemente usati per memorizzare ed elaborare le informazioni.


Dopo il viaggio, il Venezuela si è rivolto a Cuba, il suo alleato più stretto, e ha chiesto aiuto per creare una propria versione di carte RFID. "Il nuovo obiettivo erano i Big Data", ha detto Daquin.


Nel giugno 2008, il Venezuela ha accettato di pagare una società statale cubana $ 172 milioni per sviluppare sei milioni di carte, secondo una copia del contratto. I funzionari del governo cubano non hanno risposto alle domande sull'accordo.


Nel 2009, Daquin si senti` a disagio riguardo al potenziale abuso della privacy dei cittadini.





Ha espresso queste preoccupazioni a funzionari come Vladimir Padrino, un generale all'epoca e ora ministro della difesa venezuelano. Il ministero della Difesa non ha risposto alle telefonate, alle e-mail o ad una lettera presentata da Reuters per un commento.


La mattina del 12 novembre, nella sua panetteria locale di Caracas, sei agenti armati in uniforme dell'intelligence nazionale venezuelana attendevano Daquin.


Gli mostrarono le foto di sua figlia e lo costrinsero a guidare verso est, verso la città di Guatire. In una strada secondaria, ha detto Daquin, lo hanno picchiato e gli hanno spaccato i denti.


"Perché stai tradendo la rivoluzione?" uno ha chiesto.


Hanno chiesto $ 100.000 per la sua liberazione, ha detto Daquin.


Daquin, che dice di aver risparmiato per anni per comprare proprietà, è andato a casa, ha prelevato contanti da una cassaforte e consegnato agli uomini. Quella sera, ha prenotato un volo per se stesso, sua moglie ei loro tre figli negli Stati Uniti, dove ha vissuto da allora, lavorando come consulente per la sicurezza delle informazioni.


Suo fratello, Guy, che vive negli Stati Uniti, ha confermato il resoconto di Daquin. La documentazione esaminata da Reuters conferma il suo ruolo al ministero e le persone che conoscono il lavoro di Daquin hanno confermato il suo coinvolgimento nel progetto delle carte.


Dopo che Daquin fuggì, il contratto cubano non andò da nessuna parte, secondo un altro ex consigliere.


Nel marzo 2013, Chavez è morto. Maduro, suo erede come candidato del Partito Socialista, fu eletto presidente il mese successivo. Il crollo del petrolio persistente ha trascinato il Venezuela in recessione.


Con l'aumento della fame, il governo nel 2016 ha lanciato un programma per distribuire pacchetti alimentari sovvenzionati. Ha assunto Soltein SA de CV, una società con sede in Messico, per progettare una piattaforma online per rintracciarli, secondo i documenti esaminati da Reuters. La piattaforma era l'inizio del database ora utilizzato per il sistema della patria.


I direttori di Soltein, secondo i profili di LinkedIn, sono per lo più ex dipendenti dello stato cubano. Una persona che ha risposto a un telefono elencato per Soltein ha negato che l'azienda lavorasse nel sistema patria.





Una donna presso la sede legale della società nella città di Cancun ha detto a Reuters di non aver mai sentito parlare di Soltein.


Il sistema ha funzionato. Quasi il 90% dei residenti del paese ora riceve i pacchetti di cibo, secondo uno studio pubblicato a febbraio dall'università cattolica di Andres Bello e da altre due università.


Ora più soddisfatto della sua capacità di tracciare le dispense, il governo ha cercato di saperne di più sui destinatari, secondo le persone coinvolte nel progetto. Quindi è tornato a ZTE.


L'azienda cinese, ora in Venezuela da circa un decennio, ha oltre 100 dipendenti che lavorano su due piani di un grattacielo di Caracas. In primo luogo ha collaborato con Cantv, la compagnia di telecomunicazioni, per abilitare la programmazione televisiva online.


Come molte imprese statali in Venezuela, Cantv è diventato affamato di investimenti. ZTE è diventato un partner chiave, assumendo molti progetti che una volta sarebbero caduti nella stessa Cantv, hanno detto persone che hanno familiarità con entrambe le società.


ZTE sta aiutando il governo a costruire sei centri di risposta alle emergenze che monitorano le principali città del Venezuela, secondo un comunicato stampa del 2015.





Nel 2016, ZTE ha iniziato a centralizzare la videosorveglianza per il governo in tutto il paese, secondo gli attuali ed ex dipendenti.


Nella sua spinta finale per le carte della patria, il governo non ha più considerato l'RFID. La tecnologia di localizzazione era troppo costosa.


Invece, ha chiesto aiuto a ZTE con i codici QR, gli utenti di smartphone possono eseguire la scansione per ottenere informazioni sui siti Web. ZTE ha sviluppato i codici, con un costo inferiore a $ 3 per account, e il governo ha stampato le carte, collegandole al database di Soltein, hanno detto queste persone.


In una telefonata con Reuters a settembre, Su, a capo del business di ZTE in Venezuela, ha confermato l'accordo con Cantv per la carta dell'azienda. Ha rifiutato di rispondere ad altre domande.


Maduro ha introdotto le carte nel dicembre 2016. Ha ringraziato la Cina per aver prestato un supporto non specificato e ha detto "tutti devono averne una".


Il sistema ancora in esecuzione sulla piattaforma Soltein, non era ancora migrato sui server ZTE. Avvenne un disastro. Nel maggio 2017, gli hacker hanno fatto irruzione nel database della madrepatria.


L'hack è stato realizzato da anonimi attivisti anti-Maduro noti come TeamHDP. Il leader del gruppo, @YoSoyJustincito, ha detto che l'hack è stato "estremamente semplice" e motivato dalla missione di TeamHDP di esporre i segreti di Maduro.


L'hacker, che ha parlato a Reuters con un sms, ha rifiutato di essere identificato e ha dichiarato di non essere più in Venezuela. Un gestore di Cantv che in seguito ha aiutato a migrare il database ai server ZTE ha confermato i dettagli della violazione.





Durante l'hack, TeamHDP ha fatto degli screenshot dei dati dell'utente e ha cancellato gli account dei funzionari governativi, incluso Maduro. Il presidente in seguito è apparso in televisione scansionando la sua carta e ricevendo un messaggio di errore: "Questa persona non esiste".


Schermate delle informazioni incorporate in vari conti di carte, condivise da TeamHDP con Reuters, inclusi numeri di telefono, e-mail, indirizzi di casa, partecipazione a eventi del Partito Socialista e anche se una persona possedeva un animale domestico. Le persone che hanno familiarità con il database dicono che gli screenshot appaiono autentici.


Poco dopo l'hack, Maduro firmò un contratto da 70 milioni di dollari con Cantv e una banca statale per progetti di "sicurezza nazionale". Questi includevano lo sviluppo di un "database centralizzato della patria" e un'app mobile per elaborare i pagamenti, come il costo scontato di una scatola di cibo sovvenzionata, associata alla carta.


"Le fazioni imperialiste e non patriottiche hanno provato a danneggiare la sicurezza della nazione", si legge nel contratto.


Dice che una parte non divulgata del finanziamento verrebbe dal Venezuela Joint Fund, un programma di finanziamento bilaterale. Un contratto correlato, anch'esso rivisto da Reuters, assegna a ZTE i progetti di database e di app di pagamento. Il documento non rivela quanto dei $ 70 milioni sarebbero andati alla compagnia cinese.


ZTE ha rifiutato di commentare i dettagli finanziari della sua attività in Venezuela. Né il governo venezuelano né il governo cinese hanno risposto alle domande di Reuters sui contratti.


A luglio 2017 Soltein ha trasferito la proprietà dei dati del sistema a Cantv, mostrano i documenti del progetto. Un team di una dozzina di sviluppatori ZTE ha iniziato a rafforzare la capacità e la sicurezza del database, hanno detto gli attuali ed ex dipendenti di Cantv.


Tra le altre misure, ZTE ha installato unità di archiviazione dati realizzate da Dell Technologies Inc, con sede negli Stati Uniti, secondo un documento ZTE. La portavoce di Dell, Lauren Lee, ha detto che ZTE è un cliente in Cina, ma Dell non vende apparecchiature a ZTE in Venezuela. Ha detto che Dell ha rivisto le sue transazioni in Venezuela e non era a conoscenza di alcuna vendita a Cantv.


"Dell è impegnata a rispettare tutte le leggi applicabili in cui operiamo", ha affermato Lee in una e-mail. "Ci aspettiamo che i nostri clienti, partner e fornitori seguano le stesse leggi".


A maggio, il Venezuela ha tenuto elezioni ampiamente screditate dai governi stranieri dopo che Maduro ha bandito diversi partiti di opposizione.


Prima del voto, i funzionari del partito al governo hanno esortato gli elettori ad essere "riconoscenti" per la generosità del governo erogata tramite le carte della patria. Hanno allestito un chiosco "punto rosso" vicino alle cabine elettorali, dove gli elettori potevano scansionare le loro carte e registrarsi, ha promesso lo stesso Maduro, per un "premio della patria".


Coloro che hanno scannerizzato le loro carte in seguito hanno ricevuto un messaggio di testo ringraziandoli per aver supportato Maduro, secondo diversi titolari di carte e un messaggio di testo rivisto da Reuters. I premi per il voto, tuttavia, non sono mai stati emessi, i titolari delle carte e le persone che hanno familiarità con il sistema hanno detto.


Gli attuali ed ex dipendenti di Cantv dicono che il database registra se, ma non come, una persona ha votato. Tuttavia, alcuni elettori sono stati indotti a credere che il governo lo avrebbe saputo. La convinzione sta avendo un effetto agghiacciante.


Un organizzatore di un comitato per la distribuzione di viveri nella città centro-occidentale di Barinas ha detto che i dirigenti governativi hanno istruito lei e colleghi a dire ai destinatari che i loro voti potrebbero essere rintracciati. "Scopriremo se hai votato a favore o contro", ha detto lei.


I lavoratori statali dicono di essere un bersaglio.


Una presentazione interna di Cantv dello scorso anno ha affermato che il sistema può fornire informazioni dal database ai ministeri per "generare statistiche e prendere decisioni". Dopo il voto, gli uffici governativi tra cui Banco Bicentenario del Pueblo, una banca statale, hanno inviato elenchi a Cantv con i nomi dei dipendenti per determinare se avevano votato, secondo il manager che ha aiutato a configurare i server.


Banco Bicentenario non ha risposto a una richiesta di commento. Anche i funzionari del ministero dell'Economia, a cui riferisce la banca, non hanno risposto alle richieste.


Con i dati personali ora così disponibili, alcuni cittadini temono di poter perdere più del loro lavoro, ha detto Mariela Magallanes, un parlamentare dell'opposizione che ha diretto una commissione che lo scorso anno ha indagato su come la carta della patria fosse collegata al programma alimentare sovvenzionato.


Il governo, ha detto la Commissione in un rapporto, sta privando alcuni cittadini del cibo perché non possiedono la carta. "Il governo sa esattamente che tasti pigiare", ha detto.


Fonte


====================

The History of Jihad explodes prof’s claim that Hindus lived in peace under Muslim rulers in India
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 05:00 pm




When they conquered India, Muslims were benevolent and tolerant, right? That’s what Rutgers Newark professor Audrey Truschke would have you believe. “When Hindus and Muslims lived in harmony,” by Aijaz Zaka Syed, Saudi Gazette, August 19, 2017: AT a time when the Muslims are being hunted like animals on the benign watch of the BJP, […]

Read in browser »





Italy: Muslim migrant strips naked in street, rapes 68-year-old woman
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 04:00 pm




Why does this keep happening? One survivor of a Muslim rape gang in the UK said that her rapists would quote Quran to her, and believed their actions justified by Islam. The Qur’an teaches that Infidel women can be lawfully taken for sexual use (cf. its allowance for a man to take “captives of the […]
Read in browser »


Germany: Muslim who stabbed man 6 times over refused handshake gets no punishment
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 03:00 pm




He wrote an apology letter, and so all is well. What could possibly go wrong? “Germany: No punishment for man who stabbed someone six times over ‘handshake problem,’” Voice of Europe, November 16, 2018: Fahim A. a young man gets off scot-free once more. This time for stabbing a man in the back six times […]
Read in browser »


Indonesia: Muslim clerics reject measles and rubella vaccine as “unclean”
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 02:00 pm




This is not just in Indonesia. A Pakistani Muslim cleric has said that polio vaccinations are un-Islamic. Muslims have opened fire on a polio vaccination team in that country. And in Nigeria, a Muslim cleric was arrested for playing a role in sparking the murders of polio workers. “Indonesian Muslim clerics reject measles, rubella vaccine […]
Read in browser »


France: Accused rapist and renowned moderate Muslim Tariq Ramadan wins bail in rape case
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 01:00 pm




He claims he will not flee the country to escape justice, but we shall see. He has to hand over his passport, but that is not an insurmountable obstacle. The accusations are extremely serious, and the case is being investigated in an atmosphere of Muslim Brotherhood thuggery: one of his accusers has already been beaten […]
Read in browser »


Argentina: Two Muslims suspected of ties to Hizballah arrested ahead of G20 summit
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 12:00 pm




Hizballah is a wholly owned and operated subsidiary of the Islamic Republic of Iran. “Two Argentine citizens with suspected links to Hezbollah arrested ahead of G20,” i24 News, November 16, 2018 (thanks to The Religion of Peace): Two individuals in Argentina with suspected ties to Lebanon’s Hezbollah were arrested Thursday ahead of the G20 summit […]
Read in browser »


Islamic Republic of Iran to be declared in breach of chemical weapons bans
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 11:00 am




Trump again moves to undo the massive damage done by his predecessor, who did so very much to enable and empower the Islamic Republic of Iran. “Iran to Be Declared in Breach of Chemical Weapons Bans,” by Adam Kredo, Washington Free Beacon, November 16, 2018: The Trump administration is set to announce that Iran is […]
Read in browser »


Hugh Fitzgerald: Robert Azzi, Still With His “Ask-A-Muslim Anything” Shtick (Part Six)
By Hugh Fitzgerald on Nov 17, 2018 10:00 am




9. Mr. Azzi, you have written, and I quote: “In the wake of 9/11, America had a choice: either demonize and attempt to disenfranchise from the global community one-sixth of humanity known as Muslims, or respond, engage, educate and forge partnerships with peace-loving peoples in order to isolate, delegitimize and destroy the criminals that executed […]
Read in browser »


Australia: Sharia manual preaching jihad warfare and hostage taking found in airport prayer room
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 09:00 am




What could possibly go wrong? It’s a religion of peace! “‘It could certainly radicalise someone’: Muslim imam discovers Sharia law book preaching jihad and hostage taking in Melbourne airport Islamic prayer room,” by Stephen Johnson, Daily Mail Australia, November 15, 2018: A Muslim imam has discovered a Sharia law book advocating jihad and hostage taking […]
Read in browser »


Video: Why so many minorities and women in the UK flock to Islam
By Joshua Winston on Nov 17, 2018 08:59 am




I interview Vinnie Sullivan of The Reality Report on the Leftist/Islamic alliance.
Read in browser »


Central African Republic: Muslims murder at least 42 Christians in jihad massacre in cathedral
By Robert Spencer on Nov 17, 2018 08:41 am




“The death toll could reach as high as 100,” but this attack will get little international attention. The international media is much more concerned with trying to find incidents of “Islamophobia.” “At least 42 dead in cathedral attack in Central African Republic,” Catholic News Agency, November 16, 2018: Alindao, Central African Republic, Nov 16, 2018 […]
Read in browser »


UK: From appeasement to collusion — Part 1: The Church of England
By Andrew Jones on Nov 17, 2018 08:00 am




UK government moving from appeasement of Islamic extremists to collusion with them, while intensifying suppression of dissent. UK government renews and deepens ties with Muslim Brotherhood affiliated Muslim Council of Britain. Church of England engages in misguided interfaith dialogue with Islamic extremists. Introduction Since the end of the Second World War, and in the past […]
Read in browser »


Arriva il grande fratello fiscale sotto il nome di “anagrafe dei conti correnti bancari”. Luigi Di Maio esulta: “la Guardia di finanza avrà la possibilità di accedere direttamente alla banca dati delle transazioni su carte di credito e conti correnti, senza dover più chiedere l'autorizzazione alla magistratura”. Così lo Stato guardone saprà in tempo reale cosa compra e cosa fa ogni singolo cittadino con i suoi soldi: che film vede al cinema, se va al ristorante o in pizzeria, che marca di vestiti usa, che alimentazione ha, se fuma oppure no, che abbonamenti ha, se entra in un sexy shop o se compra testi sacri. Tutta la nostra vita senza filtri messa a nudo e consegnata in mano allo Stato, ai burocrati, ai politici che così potranno giudicare se secondo loro facciamo “spese immorali” o se siamo dei bravi cittadini. È questo il futuro che vuole per noi la sinistra e il M5S. Ma noi siamo uomini e donne liberi, non schiavi e sudditi. Fratelli d’Italia dice No al grande fratello fiscale!





«Inceneritori? Così San Francisco sta superando il problema dei rifiuti»


Il mondo occidentale si sta orientando verso il modello “rifiuti zero”, con politiche spinte di riduzione, recupero e riuso degli scarti. E di messa al bando delle materie non compatibili con queste prospettive. E’ il cosiddetto modello San Francisco.


Leggi tutto ›














La Russa: «È stupido pensare che non sia cambiato niente, centrodestra da rifondare»


Leggi tutto >

















Meloni, appello a Salvini: «Il Global Compact è una fregatura, non firmare» (video)


Leggi tutto >





Tim, Gasparri: attenti a interventi rozzi, potrebbero causare effetti devastanti


Leggi tutto >





Assalto a Salvini, il padre del ragazzo ferito si dice “fiero del figlio” (video)


Leggi tutto >


GLI ALTRI ARTICOLI PIU' LETTI





Un nuovo allarme spread: «Le aziende italiane rischiano molto più delle famiglie»


















Tav: 6 italiani su 10 sono favorevoli a finire l’opera. Anche i grillini doc


















Di Battista e l’elogio del padre fascista: «Mi ha insegnato l’onestà e l’irriverenza»




Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: L’Iniziazione della Piramidedi neovitruvian



SUPREMA tra le meraviglie dell'antichità, irraggiungibile dagli architetti e costruttori moderni, la Grande Piramide di Giza e` la muta testimonianza di una civiltà ignota che, avendo completato il suo periodo predestinato, è passata nell'oblio. Eloquente nel suo silenzio, ispirando nella sua maestà, divina nella sua semplicità, la Grande Piramide è davvero un sermone in pietra. La sua magnitudine travolge la spiacevole sensibilità dell'uomo. Tra le sabbie del tempo essa si erge come un adeguato emblema dell'eternità stessa. Chi erano i
matematici illuminati che ne progettarono le parti e le dimensioni, i maestri artigiani che hanno supervisionato la sua costruzione, gli abili artigiani che hanno intagliato i suoi blocchi di pietra?
Il racconto più antico e conosciuto della costruzione della Grande Piramide è quello pervenutoci da quello storico altamente venerato ma alquanto fantasioso, Erodoto. "La piramide era costruita a gradoni, posarono le pietre sulla base e alzarono le pietre rimanenti con mezzi
e macchine formate da assi di legno corte. La prima macchina le sollevava da terra alla cima del primo gradone. Su questo c'era un'altra macchina, che riceveva la pietra al suo arrivo, e la trasportava al secondo gradino, da cui una terza macchina la faceva avanzare ancora più in alto. O avevano tante macchine quanti erano i gradoni della
piramide, o forse avevano solo una macchina, che, essendo facilmente spostabile, veniva trasferita da un livello all'altro mentre le pietre venivano sollevate. Mi sono stati dati entrambi i resoconti, percio` li
menzionero` entrambi. La parte superiore della piramide era finita per prima, poi veniva il centro, e infine la parte che era più bassa e più vicina alla terra. C'è un'iscrizione con Personaggi egiziani sulla piramide che registra la quantità di ravanelli, cipolle e aglio consumato dai lavoratori che la costruirono; e lo ricordo perfettamente l'interprete che ha letto la scritta mi ha detto che il denaro speso in questo modo era 1600 talenti d'argento. Se questo è un vero resoconto, quale somma deve essere stata spesa sugli strumenti di ferro usati nel lavoro e sull'alimentazione e l'abbigliamento degli operai, considerando la durata del lavoro, che è già stato dichiarato [dieci anni],
e il tempo addizionale - non c'era neppure molto spazio, immagino - che doveva essere stato occupato dalle pietre estratte, dalle loro vie di trasporto e dallla formazione di appartamenti sotteranei."

Mentre il suo resoconto è estremamente colorato, è evidente che il padre della storia, per ragioni che ha senza dubbio considerato sufficienti, ha inventato una storia fraudolenta per nascondere
la vera origine e lo scopo della Grande Piramide. Questo è solo uno dei numerosi esempi in cui i suoi scritti che avrebbero portato il lettore attento a sospettare che Erodoto stesso un iniziato delle Scuole Sacre e conseguentemente obbligato a preservare inviolati i segreti degli antichi ordini. La teoria avanzata da Erodoto e ora generalmente
accettata che la Piramide era la tomba del faraone Cheope non può essere sostanziata.

Infatti, Manetho, Eratostene e Diodoro Siculo non concordano con Erodoto - per quanto riguarda il nome del costruttore di questo edificio supremo. La volta sepolcrale, che, secondo la legge della costruzione della piramide di Lepsius, dovrebbe essere stata finita contemporaneamente al monumento o prima, non e` mai stata terminata.

Non ci sono prove che l'edificio sia stato eretto dagli egiziani, in quanto le elaborate sculture con le quali le camere funerarie della regalità egizia erano quasi invariabilmente ornate sono del tutto mancanti e non incarna nessuno degli elementi della loro architettura
o decorazione, come iscrizioni, immagini, cartigli, dipinti e altri elementi distintivi caratteristicamente associate all'arte mortuaria dinastica. Gli unici geroglifici che si trovano all'interno della Piramide sono alcuni marchi di costruttori sigillati nelle camere di costruzione, aperte per la prima volta da Howard Vyse. Questi apparentemente sono stati dipinti sulle pietre prima che fossero messe in posizione, perché in un certo numero di casi i segni erano invertiti o
sfigurati dall'operazione di montaggio dei blocchi. Mentre gli egittologi hanno tentato di identificare le tinte limande di vernice come cartigli di Cheope, è quasi inconcepibile che questo sovrano ambizioso avrebbe permesso al suo nome regale di soffrire
tali indegnità. Poiché le autorità più eminenti in materia sono ancora incerte su quale sia il vero significato di questi segni grezzi, qualunque prova essi possano sostenere riguardo al fatto che l'edificio sia stato eretto durante la quarta dinastia è sicuramente incrinata dal fatto che sono trovate delle conchiglie di mare alla base della piramide che il signor Gab avanza come prova de fatto che sia stata eretta prima del diluvio una teoria suffragata dalle tradizioni arabe. Uno storico arabo
dichiarò che la Piramide fu costruita dai saggi egiziani come rifugio contro il Diluvio, mentre un altro ha proclamato che fosse il tesoro del potente re antidiluviano Sheddad Ben Ad. Un pannello di geroglifici sopra l'ingresso, sembra darci una soluzione al mistero, informandoci che risale a non oltre il 1843 d.C., essendo stato staccato in quel momento dal dott. Lepsius come tributo al Re di Prussia.

Il Califfo al Mamoun, un illustre discendente del Profeta, ispirato alle storie degli immensi tesori sigillati nei suoi abissi, viaggio` da Bagdad al Cairo, nel 820 d.C., con una grande forza lavoro per aprire la Grande Piramide. Quando Califfo al Mamoun prima raggiunse il piede della "Rock of Ages" e guardò verso la sua superficie luccicante liscia,
un tumulto di emozioni ha indubbiamente rovinato la sua anima. Le pietre dell'involucro devono essere state poste dentro al momento della sua visita, perché il Califfo non poteva trovare alcuna indicazione di un ingresso - quattro superfici perfettamente lisce si stagliavano davanti lui. Seguendo voci vaghe, ha detto ai suoi seguaci di lavorare sul lato nord della piramide, con le istruzioni per continuare a tagliare e cesellare finché non avessero scoperto qualcosa. Per i musulmani con i loro strumenti rozzi fu uno sforzo erculeo scavare un centinaio di metri attraverso il calcare.
Molte volte furono sul punto di ribellarsi, ma la parola del Califfo era legge e la speranza di una grande fortuna li incoraggiava.
Alla fine, alla vigilia dello scoraggiamento totale, il destino venne in loro soccorso. Si senti` una grande pietra cadere da qualche parte nel muro vicino dove gli arabi lavoravano. Scavando con rinnovato entusiasmo, riuscirono a penetrare nel passaggio che conduce nella camera sotterranea. Si sono poi sbarazzati della pietra caduta poiche` era in una posizione che bloccava il loro progresso, e rimossero ogni ostacolo che li divideva dalla camera della regina.

Finalmente la via fu chiara per i seguaci del Profeta. Ma dov'erano i tesori? Da una stanza all'altra i frenetici operai si precipitarono a guardare invano per il bottino. Il malcontento dei musulmani raggiunse una tale altezza che il Califfo al Mamoun - che aveva ereditato gran parte della saggezza del suo illustre padre, il califfo al
Raschid - ando` a Bagdad con fondi e li fece seppellire segretamente vicino all'ingresso della piramide. Quindi ordinò ai suoi uomini di scavare in quel punto e grande fu la gioia quando il tesoro fu scoperto, gli operai rimasero profondamente impressionati dalla
saggezza del monarca antidiluviano che aveva valutato attentamente i loro stipendi e che aveva fatto si che l'esatta quantità fosse sepolta a loro vantaggio!

Il Califfo ritornò quindi nella città dei suoi padri e la Grande Piramide fu lasciata alla misericordia delle generazioni successive. Nel nono secolo i raggi del sole colpivano le superfici levigate di quando la Piramide era ancora intatta facendo apparire ogni lato



La sfinge egizia è strettamente legata alla leggenda greca di Edipo, che per primo risolse il famoso enigma proposto dalla misteriosa creatura con il corpo di un leone alato e la testa di una donna. A tutti coloro che passavano accanto alla sua tana la sfinge indirizzava la domanda, "Che animale è che al mattino va su quattro piedi, a mezzogiorno su due piedi, e la sera su tre piedi? " Quelli, che non riuscivano a rispondere al suo enigma, li uccideva. Edipo dichiarò che la risposta era l'uomo stesso,
che durante l'infanzia si arrampicava sulle sue mani e sulle ginocchia, nella virilità si ergeva in piedi, e nella vecchiaia si trascinava sostenendosi ad un bastone. Scoprendo uno che conosceva la risposta al suo indovinello, la sfinge si lancio`
dalla scogliera che costeggiava la strada e perì. C'è ancora un'altra risposta all'enigma della sfinge, una risposta meglio rivelata da una considerazione dei Valori pitagorici dei numeri. Il 4, il 2 e il 3 producono la somma di 9, che è il numero naturale dell'uomo e anche dei mondi inferiori. Il 4 rappresenta l'uomo ignorante, il 2 l'uomo intellettuale e il 3 l'uomo spirituale. L'umanità infantile cammina su quattro gambe, evolvendosi passa a due gambe e con la potenza dellala sua stessa mente, il mago redento e illuminato aggiunge il bastone della saggezza. La sfinge è quindi il
mistero della natura, l'incarnazione della dottrina segreta, e tutti coloro che non riescono a risolvere il suo enigma periscono. Superare la sfinge è raggiungere l'immortalità personale

come un triangolo di luce abbagliante. Da quel momento, solo due pietre del telaio originale sono rimaste. Indagini hanno portato alla loro riscoperta, nelle mura delle moschee e dei palazzi dei musulmani in varie parti del Cairo e nei suoi dintorni.

I PROBLEMI DELLA PIRAMIDE

C. Piazzi Smyth chiede: "Fu la Grande Piramide, quindi, eretta prima dell'invenzione dei geroglifici e precedente alla nascita della religione egiziana? "Il tempo potrebbe ancora dimostrarsi che le camere superiori della Piramide erano un mistero sigillato prima della fondazione dell'impero egiziano. Nella camera sotterranea, tuttavia, vi sono segni che indicano che i Romani ottennero l'ammissione lì. Alla luce della filosofia segreta degli Iniziati egiziani, W. W. Harmon, da una serie di estremamente complicati ma esatti
calcoli matematici; determina che il primo cerimoniale della Piramide fu eseguito 68.890 anni fa, quando la stella Vega per la prima volta ha inviato il suo raggio attraverso il passaggio discendente nel pozzo. L'attuale edificio della Piramide fu completato in un periodo da dieci a quindici anni immediatamente prima a questa data.
Mentre tali figure indubbiamente evocheranno il ridicolo degli egittologi moderni, sono basate su uno studio esaustivo dei principi della meccanica siderale incorporati nella struttura della Piramide dai suoi costruttori iniziati. Se c'erano le pietre del rivestimento all'inizio del nono secolo, i cosiddetti segni di erosione sulla parte esterna non dipesero dall'acqua.

La Grande Piramide era interamente costruita in pietra calcarea e granito, i due tipi di roccia furono combinati in modo particolare e significativo Le pietre sono state tracciate con la massima precisione, e il cemento utilizzato era di una qualità così notevole che è ora
praticamente duro come la pietra stessa. I blocchi di calcare sono stati segati con seghe di bronzo, i cui denti erano diamanti o altri gioielli. Le schegge delle pietre furono ammucchiate contro il lato nord dell'altopiano su cui sorge la struttura, dove formano un ulteriore sostegno per aiutare a sostenere il peso della struttura. L'intera piramide è un esempio di perfetto orientamento e in realtà quadra il cerchio. Quest'ultimo si ottiene facendo cadere una linea verticale dall'apice della piramide alla sua linea di base. Se questa linea verticale può essere considerata come il raggio di un cerchio immaginario, la lunghezza della circonferenza di tale cerchio sarà pari alla somma delle linee di base dei quattro lati della piramide.

Se il passaggio che porta alla Camera del Re e alla Camera della Regina è stato sigillato migliaia di anni prima dell'era cristiana, quelli ammessi ai misteri della piramide dovranno aver ricevuto le loro iniziazioni in gallerie sotterranee ora sconosciute.
Senza tali gallerie non avrebbero potuto esserci mezzi di ingresso o uscita, poiché gli ingressi erano bloccati dalle pietre di rivestimento. Se non bloccato dalla massa della Sfinge o nascosto in qualche parte di quella figura, l'ingresso segreto potrebbe essere in uno dei templi adiacenti o sui lati dell'altopiano calcareo. L'attenzione è chiamata alle spine di granito che riempiono il passaggio ascendente aila Camera della Regine che il Califfo al Mamoun fu costretto praticamente a polverizzare prima che potesse aprire una strada nelle camere superiori. C. Piazzi Smyth rileva che le posizioni delle pietre dimostrano che sono state installate dall'alto - il che ha reso necessario ad un numero considerevole di operai di partire dalle camere superiori. Come hanno fatto? Smyth crede che siano scesi attraverso il pozzo, lasciando cadere le pietre dalla rampa
posizionata dietro di loro. Egli sostiene inoltre che i ladri probabilmente usarono il pozzo come un mezzo per entrare nelle camere superiori. La pietra della rampa è stata messa in un letto di
gesso, i ladri sono stati costretti a sfondarla, lasciando un'apertura frastagliata. Mr. Dupré, un architetto che ha passato anni ad investigare le piramidi, si differenzia da Smyth, tuttavia, credendo che il pozzo stesso sia un buco per i ladri, essendo il primo tentativo riuscito di entrare nelle camere superiori dalla camera sotterranea.
Il signor Dupré basa le sue conclusioni sul fatto che il pozzo è solo un buco grezzo e la grotta una camera irregolare, senza alcuna prova della precisione architettonica con cui e` stata costruita il resto della struttura. Anche il diametro del pozzo preclude la possibilità che venisse scavato verso il basso; deve essere stato scavato da
sotto, e la grotta era necessaria per fornire aria ai ladri. È inconcepibile che i costruttori della Piramide avessero rotto una delle loro rampe di pietra e lasciando un buco nella loro perfetta galleria. Se il pozzo è un
buco di un ladro, cio` può spiegare perché la Piramide era vuota quando il Califfo al Mamoun entro`. Un attento esame della cosiddetta
camera sotterranea incompiuta, che deve essere stata la base delle operazioni per i ladri, potrebbe rivelare le tracce della loro presenza o mostrare dove hanno ammucchiato le macerie a seguito delle loro operazioni. Mentre non è completamente chiaro
da quale ingresso i ladri hanno raggiunto la camera sotterranea, è improbabile che abbiano usato il passaggio discendente.
C'è una nicchia notevole nella parete nord della Stanza della Regina che le guide di Maometto dicono disinvoltamente di essere un santuario. La forma generale di questa nicchia, tuttavia, con le sue mura convergenti da una serie di sovrapposizioni come quelle della Gran Galleria, indicherebbe che originariamente era stata intesa come un passaggio. Gli sforzi fatti per esplorare questa nicchia sono stati improduttivi, ma il signor Dupré crede esista un'entrata attraverso il quale - se il pozzo non esisteva in quel momento - gli operai uscivano dalla Piramide dopo aver lasciato cadere i tasselli di pietra nella galleria ascendente. Gli studiosi della Bibbia hanno contribuito ad alcune delle più straordinarie concezioni riguardanti la grande piramide. Questo antico edificio è stato identificato da loro come il granaio di Giuseppe (nonostante la sua capacità irrimediabilmente inadeguata); come la tomba preparata per lo sfortunato Faraone dell'Esodo che non avrebbe potuto essere seppellito lì perché il suo corpo non fu mai recuperato dal Mar Rosso; e infine come conferma perpetua dell'infallibilità di numerose profezie contenute nella versione autorizzata!

LA SFINGE

Sebbene la Grande Piramide, come ha dimostrato Ignatius Donnelly, sia modellata sulla base di una architettura antidiluviana, esempi dei quali si possono trovare in quasi ogni parte del mondo, la Sfinge (Hu) è tipicamente egiziana. La stele tra le sue zampe afferma che la Sfinge è un'immagine del Dio Sole, Harmackis, che fu evidentemente modellata ad immagine del faraone che regnava mentre veniva costruita. La statua è stata restaurata da Tahutmes IV come risultato di una visione in cui il dio apparve e si dichiarò oppresso dal peso della sabbia sul suo corpo. La barba rotta della Sfinge fu scoperta durante gli scavi tra le zampe anteriori.
I gradini che portano alla sfinge e anche al tempio e all'altare tra le zampe vennero aggiunti molto più tardi, probabilmente dai romani, perché è noto che i Romani ricostruirono molte delle antichità egiziane. La depressione superficiale nella parte superiore della testa, si pensava fosse il capolinea di un passaggio chiuso che porta dalla Sfinge alla Grande Piramide, tuttavia era semplicemente intesa a sostenere un copricapo che ora manca. Le aste di metallo sono state introdotte nella Sfinge nel vano tentativo di scoprire camere o
passaggi all'interno del suo corpo. La parte principale della Sfinge è una singola pietra, ma le zampe sono state costruite con pietre più piccole. La Sfinge è lunga circa 200 piedi, alta 70 piedi
e larga 38 piedi attraverso le spalle. Molti credono che la pietra principale da cui è stata scolpita venne trasportata da cave lontane con metodi sconosciuti, mentre altri affermano che si tratta di una roccia nativa, forse un affioramento che somiglia in qualche modo alla
forma in cui è stato successivamente scolpito. La teoria avanzata riguardo al fatto che la piramide e la Sfinge furono costruite con pietre artificiali fatte sul posto è stata abbandonata. Una attenta analisi del calcare mostra che è composta da piccole creature marine chiamate
mummuliti.
La supposizione popolare che la Sfinge fosse il vero portale della Grande Piramide, non è mai stato provato. P. Christian presenta questa
teoria come segue, basandola in parte sull'autorità di Giamblico:

"La Sfinge di Giza, dice l'autore del Traité des Mystères, fungeva da ingresso alle sacre camere sotterranee in cui l'iniziato veniva sottoposto alle prove.
Questo ingresso, ostruito ai nostri giorni da sabbia e spazzatura, può ancora essere tracciato tra le zampe anteriori del colosso accovacciato. In passato era chiuso da una porta di bronzo lal cui apertura segreta poteva essere azionata solo dai Magi. Era protetto dal rispetto pubblico: una sorta di paura religiosa ha mantenuto la sua inviolabilità meglio di quanto avrebbe fatto un esercito.
Nel ventre della Sfinge sono state ritagliate le gallerie che conducono alla parte sotterranea della Grande piramide. Queste gallerie erano così artisticamente incrociate lungo il loro corso verso la Piramide che nel mettersi in marcia enza una guida era sinonimo di perdersie tornare al punto di partenza. "(Vedi Histoire de la Magie.)
Sfortunatamente, la porta di bronzo a cui si fa riferimento non e` stata ancora trovata, né esistono prove a riguardo.
I secoli che passano hanno trasformato il colosso, tuttavia, l'apertura originale potrebbe essere stata chiusa.

Quasi tutti gli studenti del soggetto credono che le camere sotterranee esistano sotto la Grande piramide. Robert Ballard scrive: "I sacerdoti delle piramidi del lago Moeris avevano le loro vaste residenze sotterranee. Mi sembra più che probabile che lo stesso avvenisse a Giza. E posso andare oltre: - Da queste stesse caverne e` stato scavato il calcare da cui sono state costruite le piramidi. Nelle viscere della cresta calcarea su cui le piramidi sono state costruite saranno ancora trovate, mi sento convinto, ampie informazioni sul loro
utilizzo. La teoria di Mr. Ballard sugli ampi appartamenti sotterranei e sulle cave fa apparire un problema importante in architettura. I costruttori della Piramide erano troppo lungimiranti per mettere in pericolo la permanenza della Grande Piramide collocando oltre cinque milioni di tonnellate di calcare e granito su una formazione non solida. È quindi ragionevolmente che tali camere o passaggi che possono esistere sotto l'edificio siano relativamente insignificanti, come quelli all'interno del corpo della struttura, che occupano meno di un sedicesimo del contenuto cubico della piramide.
La Sfinge fu indubbiamente eretta per scopi simbolici su istigazione del clericalismo. Le teorie che l'uræus sulla sua fronte era in origine il dito di una immensa meridiana e che sia la Piramide che la Sfinge furono usate per misurare il tempo, le stagioni e la precessione degli equinozi sono geniali ma non del tutto convincenti. Se questa grande creatura è stata eretta per cancellare l'antico passaggio che conduce nel Tempio sotterraneo della Piramide, il suo simbolismo sarebbe più appropriato. Nel confronto con la dimensione schiacciante e la dignità della Grande Piramide, la Sfinge è quasi insignificante. La sua faccia malconcia, sulla quale si possono ancora vedere le vestigia della vernice rossa con cui la figura era originariamente coperta, è sfigurata al di là di ogni riconoscimento. Il suo naso fu spezzato da un fanatico maomettano, per timore che i seguaci del Profeta fossero guidati
in idolatria. La natura stessa della sua costruzione e le attuali riparazioni necessarie a impedire alla testa di cadere indica che non avrebbe potuto sopravvivere ai grandi periodi del tempo trascorso dall'erezione della Piramide. Per gli egiziani, la Sfinge era il simbolo di forza e intelligenza. Era ritratta come androgina per significare che riconoscevano gli iniziati e gli dei come partecipanti sia al potere creativo positivo che a quello negativo. Gerald Massey scrive: "Questo
è il segreto della Sfinge. La sfinge ortodossa dell'Egitto è maschile di fronte e femminile dietro. Così è l'immagine di Sut-Typhon, maschio davanti e femmina dietro. I faraoni, che indossavano la coda della leonessa o della mucca dietro di loro, erano maschi davanti e femmine dietro. Come gli Dei includevano la duplice totalità dell'essere in
una persona, nata dalla Madre, ma di entrambi i sessi come il Bambino. "(Vedi The Natural Genesis.)
La maggior parte degli investigatori ha ridicolizzato la Sfinge e, senza nemmeno degnarsi di indagare il grande colosso, hanno rivolto la loro attenzione al mistero più travolgente della Piramide.

I MISTERI DELLA PIRAMIDE

Si suppone che la parola piramide derivi da aW, il fuoco, a significare ciò è la rappresentazione simbolica dell'unica fiamma divina, la vita di ogni creatura. John Taylor crede che la parola piramide significhi "misura del grano", mentre C. Piazzi Smyth favorisce il significato copto, "una divisione in dieci". Gli iniziati accettavano la forma piramidale come il simbolo ideale sia della dottrina segreta sia di quelle istituzioni istituite per la sua diffusione. Entrambi piramidi e tumuli sono antitetici della Santa Montagna, o alto luogo di Dio, che si credeva stasse nel "mezzo" della Terra. John P. Lundy collega ulteriormente la Grande Piramide al mitico Olimpo supponendo che i suoi passaggi sotterranei corrispondevano alle tortuose vie secondarie dell'Ade. La base quadrata della Piramide è un costante richiamo alla casa di saggezza fermamente fondata sulla natura e sulle sue leggi immutabili. "Gli gnostici", scrive Albert Pike, "sostenevano che l'intero edificio della loro scienza poggiava su un quadrato i cui angoli erano:
Silenzio; Profondita; Intelligenza; e Verita. "(Vedi Morale
e Dogma.) I lati della Grande Piramide affrontano i quattro angoli cardinali, a significare secondo Eliphas Levi le estremità del caldo e del freddo (sud e nord) e le estremità della luce e dell'oscurità (est e ovest). La base della Piramide ulteriormente rappresenta i quattro elementi materiali o sostanze dalle combinazioni di cui il corpo quaternario dell'uomo è formato. Da ciascun lato del quadrato sorge un triangolo, caratterizzando da triplice essere divino intronizzato all'interno di ogni natura materiale quaternaria. Se ogni linea di base può essere considerata un quadrato da cui ascende un triplice potere spirituale, la somma delle linee delle quattro facce (12) e dei quattro quadrati ipotetici (16) costituiscono la base di 28, il numero sacro del mondo inferiore. Se questo viene aggiunto ai tre settenari che compongono il sole (21), è uguale a 49, il quadrato di 7 e il numero delll'universo.
I dodici segni dello zodiaco, come i governatori dei mondi inferiori, sono simbolizzati dalle dodici linee dei quattro triangoli: i volti della Piramide. Nel mezzo di ciascuna faccia è una delle bestie di Ezechiele e la struttura nel suo insieme diventa il Cherubino.
Le tre camere principali della Piramide sono legate al cuore, al cervello e al sistema generativo - i centri spirituali della costituzione umana. La forma triangolare della Piramide è anche simile alla postura assunta dal corpo durante gli antichi esercizi meditativi. I Misteri insegnavano che le energie divine degli dei discesero sulla cima della Piramide, che era paragonata a un albero rovesciato con i suoi rami in basso e le sue radici all'apice. Da questo albero rovesciato viene disseminata la saggezza divina scorrendo lungo i lati divergenti e irradiandosi in tutto il mondo. La dimensione della pietra di copertura della Grande Piramide non può essere determinata con precisione, perche`, mentre
la maggior parte degli investigatori ha supposto che una volta fosse presente, non ne rimane traccia. C'è una curiosa tendenza tra i costruttori di grandi edifici religiosi a lasciare la loro creazioni incompiute, indicando così che Dio solo è completo. La pietra di coronamento - se esisteva - era a sua volta una piramide in miniatura, l'apice della quale sarebbe stato completato di nuovo da un blocco piu` piccolo di forma simile, e così via all'infinito. La pietra di coronamento quindi è l'epitome dell'intera struttura. La Piramide, quindi, può essere paragonata all'universo e l'uomo alla sua pietra di coronamento. Seguendo la catena dell'analogia, la mente è la pietra di coronamento dell'uomo, lo Spirito e` la pietra di coronamento della mente, e Dio - l'epitome del tutto - la pietra di coronamento dello spirito. Come un blocco grezzo e incompiuto, l'uomo viene preso dalla cava e grazie alla segreta cultura dei Misteri si trasforma gradualmente in una pietra di coronamento perfetta. Il tempio è completo solo quando l'iniziato stesso diventa l'apice vivente attraverso il quale il potere divino si concentra nella struttura divergente sottostante.
W. Marsham Adams definisce la Grande Piramide "la casa dei luoghi nascosti"; come in effetti lo era, poiché rappresentava il santuario interiore della saggezza pre-egiziana. Gli Egiziani associavano la Grande Piramide ad Ermes, il dio della saggezza e delle lettere
e il Divino Illuminatore adorato attraverso il pianeta Mercurio. Associare Hermes alla Piramide sottolinea nuovamente il fatto che in realtà era il tempio supremo della Divinità invisibile e suprema. La Grande Piramide non era un faro, un osservatorio, o una tomba, ma il primo tempio dei Misteri, la prima struttura eretta come deposito per
quelle verità segrete che sono il fondamento certo di tutte le arti e le scienze. Era l'emblema perfetto del microcosmo e del macrocosmo e, secondo gli insegnamenti segreti, la tomba di Osiride, il dio nero del Nilo. Osiride rappresenta una certa manifestazione dell'energia solare, e quindi la sua casa o tomba è emblematica dell'universo in cui è sepolto e della croce in cui è crocifisso.
Attraverso i passaggi mistici e le camere della Grande Piramide passava l'illuminato dell'antichità. Entrava nei suoi portali come uomo; e ne usciva trasformato in dio. Era il luogo della "seconda nascita", il "grembo dei Misteri", e la saggezza dimorava in esso come
Dio dimora nei cuori degli uomini. Da qualche parte nel profondo dei suoi recessi risiedeva un essere sconosciuto che è stato chiamato "L'iniziatore" o "L'illustre", vestito di blu e oro che teneva in mano la settupla chiave dell'Eternità. Questo era il volto del leone gerofante, il Santo, il Maestro dei Maestri, che non ha mai lasciato la Casa della Saggezza e che nessuno ha mai visto, salvo colui che era passato attraverso le porte della preparazione e della purificazione. Fu in queste stanze che Platone - si trovò faccia a faccia ad affrontare la saggezza delle età personificata nel Maestro della Casa Nascosta.
Chi era il Maestro che dimorava nella potente Piramide, le cui numerose stanze significavano i mondi nello spazio; il Maestro che nessuno potrebbe vedere salvo quelli che erano "nati" di nuovo "? Solo lui conosceva perfettamente il segreto della Piramide, ma ha lasciato la via del saggio e la casa è vuota. Gli inni di lode non riecheggiano più in toni ovattati attraverso le camere; il neofita non passa più attraverso gli elementi e vaga tra le sette stelle; il candidato non riceve più la "Parola di vita" dalle labbra dell'Eterno. Nulla ora rimane che l'occhio umano possa vedere solo un guscio vuoto
il simbolo esteriore di una verità interiore - e gli uomini chiamano la casa di Dio una tomba! La tecnica dei Misteri è stata spiegata dal Saggio Illuminatore, il Maestro della Casa Segreta. Fu rivelato al nuovo inziato Il potere di conoscere il suo spirito guardiano. Fu spiegato; il
metodo di districare il suo corpo materiale dal suo veicolo divino; e a consumare l'opus magnum, gli fu rivelato il Nome Divino - il segreto e
la designazione indicibile della divinità suprema, dalla cui conoscenza stessa uomo e dio sono resi coscientemente uno. Con la rivelazione del Nome, il nuovo iniziato diviene egli stesso una piramide, dentro le quali camere, innumerevoli altri esseri umani potrebbero ricevere l'illuminazione spirituale. Nella Stanza del Re veniva messo in scena il dramma della "seconda morte". Qui il candidato, dopo essere stato crocifisso sulla croce dei solstizi e degli equinozi, veniva sepolto nel
grande sarcofago. C'è un profondo mistero nell'atmosfera e nella temperatura della Camera del Re: è di un freddo peculiare simile alla morte. Questa stanza era una porta tra il mondo materiale e le sfere trascendentali della Natura. Mentre il suo corpo giaceva nel sarcofago, l'anima del neofita si librava nelle sembianze di un falco dalla testa umana attraverso i regni celesti, lì per scoprire in prima persona l'eternità della Vita, della Luce e della verità, così come l'illusione diella morte, dell'oscurità e del peccato. Quindi in un certo senso la Grande Piramide può essere paragonata a una porta attraverso la quale gli antichi sacerdoti consentivano a pochi da passare verso il raggiungimento del completamento individuale. È anche da notare
incidentalmente che se il sarcofago nella Camera del Re venisse colpito, il suono emesso non avrebbe controparte in qualsiasi scala musicale conosciuta. Questo valore tonale potrebbe aver fatto parte di questa combinazione di circostanze che hanno reso la Stanza del Re un ambiente ideale per il conferimento del più alto grado dei Misteri.
Il mondo moderno conosce poco riguardo questi antichi riti. Lo scienziato e il teologo guardano allo stesso modo la struttura sacra, chiedendosi quale spinta fondamentale abbia ispirato tale lavoro erculeo. Se solo pensassero per un momento, si renderebbero conto che esiste solo una spinta nell'anima dell'uomo capace di fornire l'incentivo richiesto - cioè, il desiderio di conoscere, comprendere e scambiare la ristrettezza della mortalità umana per la maggiore ampiezza e portata dell'illuminazione divina. Così gli uomini dicono che la Grande Piramide è l'edificio più perfetto del mondo, la fonte di pesi e misure, l'originale Arca di Noè, l'origine delle lingue, alfabeti ,. e scale di temperatura e umidità. Pochi si rendono conto, tuttavia, che è la porta per l'Eternita`. Sebbene il mondo moderno possa conoscere un milione di segreti, il mondo antico ne conosceva uno - e quello valeva piu di quel milione; perché i milioni di segreti generano morte, disastro, dolore, egoismo, lussuria e avarizia, ma l'unico segreto conferisce vita, luce e verità. Verra` il tempo quando la saggezza segreta sarà di nuovo la spinta religiosa e filosofica
dominante del mondo. E` vicino il giorno quando il destino del dogma sara` ineluttabile. La grande torre teologica di Babele, con la sua confusione di lingue, era costruita in mattoni di fango. Dalle fredde ceneri di credi senza vita, tuttavia, sorgeranno come una fenice gli antichi misteri. Nessun'altra istituzione ha così completamente soddisfatto le aspirazioni religiose dell'umanità, poiché dalla distruzione dei Misteri non vi è stato un codice religioso a cui Platone avrebbe potuto sottostare. Lo sviluppo della natura spirituale dell'uomo è una scienza esatta quanto l'astronomia, la medicina o la giurisprudenza. Per realizzare questo fine sono state stabilite le religioni; e dalla religione sono nate scienza, filosofia e logica come metodi per realizzare questo scopo divino. Il Dio morente risorgerà! La stanza segreta nella Casa dei Luoghi Nascosti dovrà essere riscoperta La Piramide sarà di nuovo l'emblema ideale della solidarietà, dell'ispirazione, dell'aspirazione, della risurrezione e della rigenerazione. Mentre le sabbie mobili del tempo seppeliscono
civiltà sotto il loro peso, la Piramide rimarrà come simbolo visibile dell'alleanza tra Saggezza Eterna e il mondo. Giungera` il momento in cui i canti degli illuminati saranno ascoltati ancora una volta nei suoi antichi passaggi e il Maestro della Casa Nascosta dovrà attendere nel Luogo Silenzioso la venuta di quell'uomo che, mettendo da parte gli errori del dogma e del principio, cerca semplicemente la Verità.